Invalidità: una buona regola

Una buona regola che io credo indispensabile da sapere per chi versa nelle mie/nostre condizioni dice che non bisogna MAI andare soli a fare le eventuali pratiche di invalidità/inps/contrassegno/varie.
Se andate soli, scoprirete amaramente che ogni volta che entrate in un ufficio di Medicina Legale, per dichiare che siete temporaneamente (o permanentemente) invalidi, il vostro cervello si svuoterà, vi attanaglierà una paura incomprensibile, che prende proprio al basso ventre. Vi troverete nelle sale d’attesa degli uffici più squallidi di ogni ASL, sedute tra persone down e anziani cerberi, ciechi o persone in carrozzella. E proverete un’enorme compassione e penserete che tutto sommato voi non state poi così male, e su, e dai. In fondo siete stati davvero fortunati, se vi guardate bene intorno.
Ecco.
Poi avrete a che fare con il personale. E lì sarà come entrare in un simpatico girone infernale. Potrà capitarvi che alla visita legale, dove vi siete presentati con tutti gli originali delle vostre TAC, PET, certificati oncologici e del medico di base, mammografie, radiografie, referti di ogni tipo…ecco, capiterà che di fronte a cotanta prova del vostro scontento, qualche simpaticone medico legale vi chieda: “Alzi un po’ la maglietta? pure il reggiseno, sì, dai, che voglio vedere la ferita”.
Non è capitato a me, ma me l’ho sentito raccontare più volte. E ci credo.
Oppure quando andrete a ritirare i documenti che accertano la vostra invalidità, scoprirete che siete così sfigati da avere ottenuto il 100% di invalidità e che non è nemmeno rivedibile. E l’impiegata, a cui chiedete chiarimenti, vi dirà “Eh, si, nel suo caso l’invalidità non è rivedibile. E’ per sempre.” . Poi si leggerà meglio i documenti e capiterà che vi dica: “per quanto, nel suo caso, per sempre….quanti anni ha detto che ha? Anche io ho perso mio marito, sa, che avevo 35 anni, ma per chi resta, la vita continua”.
Questo è capitato a me. Alla lettera.
Capiterà che ogni volta che passate all’INPS vi scoredete tutto e dovrete tornare indietro a prendere i documenti necessari e che quella domanda urgente che dovevate fare, ve la ricordate solo dopo che il vostro numero è stato servito, grazie, e già ce ne sono di nuovo altri 30 prima di voi.
Oppure succederà che chiedendo informazioni sull’abilità lavorativa, lo stesso medico legale che ha firmato la vostra documentazione, vi tenga sulle spine per un’ora dicendovi: “Mah! se quello che vedo scritto è vero, cioè che lei ha un tumore così e così, metastasi, etc., se è vero, lei non potrebbe stare qui davanti a me”.
Se è vero?
Insomma non ci andate da soli.
Per quanto ci teniate alla vostra autonomia, alla dignità che sta nell’affrontare in rocciosa solitudine quanto di peggio possa capitare in questo nostro percorso: NON ANDATECI DA SOLI!
Datemi retta, ci sono passata.
La persona che vi accompagnerà, potrà anche essere insofferente e non capire perché, nel momento esatto in cui entrate in uno dei suddetti uffici, vi cali sul viso un’espressione sofferta, ma servirà. Servirà come testimone, se vi trattano male (e lo faranno, lo fanno sempre). E servirà per farvi trattare meno peggio. Servirà per farli vergognare quando la loro stupida morbosità gli farà venire voglia di farvi alzare la maglietta per vedere le cicatrici. Servirà se vi dicono cose tremende, del tipo che il vostro “per sempre” non è poi così a lunga durata. Servirà per difendervi se qualcuno mette in dubbio che siate malati e seriamente. Servirà per evitare che saltiate alla giugolare del primo stronzo in sala d’attesa che vi dice “CHE CULO! hai avuto l’accompagno! FICO!” dando per scontato che non l’hai avuto perché sei particolarmente sfigato, ma perché hai allungato la mazzetta a qualcuno.
Datemi retta. Ci sono passata.
Non andateci da soli. Io l’ho imparato a mie spese. Fidatevi!

il post originale qui

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Amici e parenti, Invalidità e diritti, Storie. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Invalidità: una buona regola

  1. Anna Giannelli ha detto:

    Ci mancherebbe anche che ci trattassero male, ho la schiena a buchi, non cammino quasi più.

  2. nonsonostoica ha detto:

    Quanto hai ragione! La vigilia di Natale ho fatto la visita per il contrassegno auto e mi son sentita dire di tutto. Che sconforto trovarsi in queste situazioni, sono uscita e non ho potuto fare altro che piangere. Non è giusto dover subire umiliazioni simili, sembra ti mettano sotto processo quando si vede chiaramente qual’è il problema.

  3. elsa ancis ha detto:

    E’ esattamente così, NON ANDATE SOLI!!!!! Ma c’è un’altra cosa importantissima da NON fare. Non lavatevi i capelli nel caso vi siano ricresciuti, figuriamoci una piega poi… mettete la tuta più schifosa che avete, se ha qualche patacca ancora meglio, guai a truccarsi anche solo un pochino e niente collane.. e per quelle di voi che mettono lo smalto se hanno ancora le unghie per nascondere il blu, che non vi passi per la mente. Non sono impazzita, è solo che alla prima visita sono andata pulita e profumata ed ho commesso l’errore di coordinare la bandana che nascondeva la mia calvizia alla camicia…un bel viola e disgraziatamente ho avuto la sfrontatezza di abbinarle entrambe ad un po’ di trucco (mi truccavo gli occhi ,cosa che non facevo prima, per dargli qualcosa di umano visto che ero senza ciglia e sopracciglia)…ed alle collane!!!! In un eccesso d’idiozia misi un paio di scarpe con una zeppa perché le cure mi avevano talmente fatto ingrassare che qualche centimetro in più mi confortava…. Non l’avessi mai fatto!!!!! E’ stato un continuo di commenti e domande cattivissime. Una per tutte? La dottoressa con il mio istologico sulla scrivania mi guarda e mi chiede scettica e dubbiosa : “…e perché lei fa la chemio?”. So che si dovrebbe rispondere per le rime ma purtroppo non si può dire per esempio: ” perché non avevo un c…. da fare da agosto a Natale”… oppure : ” per lo stesso motivo per cui spero la faccia anche tu al più presto brutta str….!!!! E allora bisogna capire che loro vogliono vedere che fai schifo, devi essere trasandata, brutta e senza dignità. Alla seconda visita ho modificato look, un successone…hanno fatto il loro dovere come la prima volta del resto ma senza commentare.

  4. C. ha detto:

    IL PRIMO SENSO DI DEPRESSIONE VIENE PROPRIO NELLA SALA D’ATTESA, DOVE LE VECCHIETTE E LE PERSONE IN CARROZZINA TI SCRUTANO DA CAPO A PIEDI, COME DIRE CHE CI FA QUELLA QUI! POI ENTRI E TROVI TUTTI SCHIERATI CHE TI FANNO LA RADIOGRAFIA VISIVA (CREDO CHE DEBBANO METTERLA NELLA MEDICINA) E POI…. SCOPPIO A PIANGE……OHH CI MANCAVA ANCHE QUESTA, MA ERA TROPPO !!! E LORO (NON DOVREBBERO ESSERE MEDICI, QUINDI ESPERTI DI UMANITA’) SAPETE COSA MI DICONO -MA SIGNORA HA QUALCUNO CHE LA SEGUE? SI, MI VIEN VOGLIA DI RISPONDERE GLI S… COME TE E QUELLO CHE CI COSTRINGETE FARE PER UN DIRITTO! (invece, non sono riuscita a parlare, forse se ero accompagnata. Ma avrei poi sofferto di umiliazione davanti ad un famigliare, quando facciamo di tutto davanti a loro per essere forti)
    MORALE NESSUNA 104 E INVALIDITA’ ABBASSATA!
    BEH NON STO QUI A DESCRIVERE COS’HO E COSA HO FATTO, MA NON PARLATEMI DI FALSI INVALIDI PERCHE’ ALL’ORA SCOPPIO!!! E’ VERAMENTE TROPPO!!
    UN ABBRACCIO E BUON ANNO A TUTTI!
    C.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...