In un giorno di primavera

In un giorno di primavera, tra vento, sole, e tanti petali di fiore di ciliegio nell’aria, all’improvviso, quando meno te lo aspetti, la parola “guarigione” può anche apparire meno strana del solito. Non importa se ogni volta che senti parlare di cancro ti suona ancora un gong in tutto il corpo. Non ti fa poi così male andare in risonanza, anzi, forse ti aiuta a restare legata alla vita e alla realtà. E succede spesso. Lo senti nominare in televisione, a proposito dell’ultima campagna benefica: gong. Ne parli tu stessa, con sorprendente noncuranza, fissando una data sul calendario: gong gong. Lo leggi nei blog amici: gong gong gong.
Risuona, ma non fa paura come prima, anche se non sei ancora al sicuro: è solo un suono che conosci, che ti appartiene, una delle tue mille corde di arpa. E guarire vuol dire imparare a suonarle tutte, quelle corde strabilianti. Un lavoro difficile, ma non impossibile, soprattutto quando la primavera ti spettina i capelli e ti rende felice come una bambina.

Qui il post originale

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Dopo e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...