L’invalidità civile è un diritto o un incubo?

Sono stanca, stanchissima, stufa, arrabbiata e chi più ne ha più ne metta.

Da ottobre 2010 combatto con la pratica di rinnovo dell’invalidità, e ancora non ne sono uscita…

Ne ho già parlato in tanti post, qui per esempio:

http://camdenrosie.wordpress.com/2011/10/27/altro-che-michael-ende/

E’ una situazione totalmente assurda, incredibile.

Oggi ho scritto al Corriere per renderla pubblica, e gentilmente Franco Bomprezzi, di cui seguo sempre anche il blog sulla rivista online Vita, ha pubblicato il mio sfogo. Purtroppo l’ultima frase è venuta tagliata, ma mi riferivo proprio al posto di lavoro a rischio.

Trovate qui la mia lettera:

http://forum.corriere.it/ditelo-a-noi/13-02-2012/quando-arriva-il-verbale-2001605.html

Che cosa si deve fare in una situazione così incredibile?

Pare che prima o poi la mia odissea si concluderà con l’arrivo del verbale di cui ho solo la copia, e che riporta un’invalidità del 50% (e mi manca un organo la cui assenza dà luogo a svariati problemi).

Ovviamente, niente più legge 104, niente più permessi lavorativi. Facciamo finta che non ho avuto niente, va bene? Così sono tutti contenti. Che tristezza! Non importa che io abbia ogni giorno sbalzi della glicemia che vanno dai quasi 300 appena mangiato  ai 38 che spesso ho a due ore dal pasto. Non importa l’enorme stanchezza, il sonno feroce dopo i pasti. Non importa l’anemia perenne che mi costringe a sottopormi a svariate flebo di ferro durante l’anno. Non importa l’impossibilità di stare in piedi dopo mangiato e il bisogno di stare semi-sdraiata. Tutte cose che complicano molto la possibilità di lavorare 8 ore al giorno e per questo lavoro part time.

Okay abbiamo scherzato, ora mi faccio una Tac e si vedrà che ho uno stomaco nuovo di zecca.

E non sono la sola a combattere con l’Inps e con la burocrazia, ne sento tante ogni giorno di storie assurde, leggete anche qui, da Mia:

http://miasorriso.blogspot.com/2012/02/sogni-che-nascono-che-finiscono-che.html

Basta, rimango davvero senza parole. Anche perché sappiamo bene che invece chi è un falso invalido riesce ad avere tutto tranquillamente, con le coperture giuste… E per tanti che ne scoprono, ce ne saranno di sicuro altrettanti che la fanno franca… Veramente non ho altro da dire, le braccia mi sono già cadute da tempo… (Anzi quasi quasi richiedo l’aggravamento proprio per questo!)

Il post originale qui
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Invalidità e diritti e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

24 risposte a L’invalidità civile è un diritto o un incubo?

  1. timenn ha detto:

    Cara Camden, rispondo alla tua domanda: Invalidità= incubo.
    Non perchè sei invalido… quello già lo sai… “semplicemente” perchè oltre alla malattia e/o ai suoi esiti, devi combattere con gli azzeccagarbugli.
    Pensa che vivo pure io senza stomaco dal 2008, con esiti ancora pesanti per quanto riguarda l’alimentazione (devo spesso ancora fare dilatazioni) e la commissione, nonostante ciò, in prima istanza mi aveva negato l’invalidità. Ho fatto ricorso e mi hanno riconosciuto una percentuale del 75%, rivedibile dopo un anno. Tutto ciò dal 2008.
    Ogni anno mi ripresento e ogni anno constatano che lo stomaco non c’e’. E constatano pure i mille problemi che hai evidenziato tu.
    Che peggiorano, non migliorano.
    Rivedibile tra un anno………
    Ma tanto abbiamo tutti tempo e soldi da buttare via, no?
    Che dire? Forse davvero pensano che lo stomaco mi ricresca…
    E la rabbia sale, così come il senso di impotenza.

    • Camden ha detto:

      Cara Timenn, il fatto che addirittura all’inizio ti avessero negato l’invalidità, e che poi te la abbiano concessa rivedibile ogni anno è ancora più assurdo di quello che è capitato a me.
      Ma davvero non c’è mai fine al peggio? Sembra proprio così, purtroppo!

  2. Cecilia ha detto:

    Ho dovuto lasciar decantare per due giorni quello che ho letto, per lo stupore e la rabbia provocata da una simile macroscopica ingiustizia ! Mi piacerebbe poter dire ad entrambe che si può fare qualcosa, ma non ne sono affatto certa, anche se il sogno di abolire le commissioni mediche mi accompagna da molto tempo !
    Un abbraccio
    Cecilia

    • Camden ha detto:

      Grazie cara Cecilia, purtroppo le commissioni mediche non sembrano essere assolutamente imparziali nei confronti del malato, anzi sembra davvero di andare a sottoporsi al giudizio di un Tribunale per chissà quale colpa, piuttosto che essere visti da persone che dovrebbero avere competenza in materia di patologie gravi e disabilità.
      Tra l’altro in questi ultimi tempi l’intento neanche troppo velato dell’Inps è quello di tagliare tutto il più possibile.

      Questo articolo è significativo:

      http://blog.vita.it/francamente/2012/02/15/i-superpoteri-dellinps/

  3. fiorello ha detto:

    Ciao a tutti mi chiamo <fiorello vi voglio raccontare anche la mia, sono stato sottoposto a una gatroctomia totale nel gennaio 2008,e 8 cicli di chemio. Il padronato ha fatto domanda per la visita collegiale.dopo pochi giorni sono andato e mi hanno dato 3 anni di invalidità totale 100% da rivedere,non ho potuto chiedere l'invalidità perchè superavo i 14.000 euro.Pochi giorni fà sono andato di nuovo a rifare la visita,spero tanto che mi ridiano il solito punteggio.Vediamo quello che succederà, Grazie a tutti voi per le <V/s risposte:

    • Camden ha detto:

      Ciao Fiorello, dopo quanto tempo hai ottenuto il risultato della prima visita? Giorni, mesi, anni? E’ una cosa che mi incuriosisce, ma di sicuro dipende anche dalla regione dove vivi. Nel Lazio i tempi sono lunghissimi, o almeno nel mio caso lo sono sempre stati.
      I limiti per la pensione da invalidi totali quest’anno sono 15.627,22 euro.
      Sono molto interessata a sapere quale percentuale ti daranno e tra quanto tempo. Se puoi fammi sapere. Ormai tendono ad abbassare tutto a tutti, poi certo dipende anche dall’esame complessivo dello stato della malattia, se ci sono metastasi, ecc.
      Grazie per avere raccontato la tua esperienza.

  4. fiorello ha detto:

    Ciao Camden, il risultato l’ho avuto circa due mesi. La regione è le marche San Benedetto del tronto. Per quanto il risultato e il punteggio che mi daranno, dall’ultima visita, se devo essere sincero, non mi aspetto di certo un punteggio alto.Per quanto riguarda le metastasi non ce ne sono.Tuttora lavoro sui mezzi pesanti e di giorno in giorno mi accorgo che recuperare è sempre più difficile, mi aguro che mi diano almeno il 75% per chiedere il prepensionamento per malattia.Quale intervento hai avuto? Il tuo stato attuale com’è Mi aguro bene.Un saluto da Fiorello.

    • Camden ha detto:

      Ciao Fiorello, sono stati davvero veloci da te.
      Adesso la tendenza generale è quella di diminuire un po’ le percentuali a tutti. Io mi sto avvicinando all’ottavo anno dopo l’intervento (anche io gastrectomia totale, senza metastasi, ovvero solo una micrometastasi linfonodale) Ora sto abbastanza bene, ma ci sono problemi che permangono come anemia e iper/ipoglicemie. Tuttavia lavorare come prima quando ero sana, mi è difficile, da diversi anni ho ridotto l’orario.
      Grazie e un saluto a te.

  5. Cecilia ha detto:

    Leggete qui…
    http://www.lavoce.info/articoli/-sanita/pagina1002846.html
    anche se mi rendo conto che è molto teoria rispetto alle esperienze dirette !
    Ciao
    Cecilia

    • Camden ha detto:

      Grazie Cecilia, avevo letto questo articolo qualche giorno fa e mi ha fatto capire molte cose anche sui patronati, presenti per la domanda ma spesso assenti per il resto…

  6. rOSSELLA ha detto:

    Carissimi sono lieta di narrarvi un’odissea inconcepibile che mi ha messa in contatto con i codici che vengono dichiarati per valutare la percentuale di invalidità!!!Ho avuto nel 2005 un carcinoma mammario intraduttale,multicentrico,con mastectomia del seno destro e bonifica del cavo ascellare.Nel gergo della commissione questa viene chiamata mutilazione chirurgica e fin qui ci siamo!!Chemio adiuvante, con protocollo FEC,,anticorpo monoclonale detto herceptin,,cardiotossico e sperimentale all’epoca!!Ma non basta nel 2007,mentre mi toglievano l’espansore,per posizionarmi la protesi definitiva,mi viene trovato un nodulo sotto il gran pettorale,quindi una recidiva!!!Il mondo mi è letteralmente crollato addosso!!Ma andiamo avanti la storia non finisce qui!!Affronto con coraggio un trattamento con Taxotere(farmaco mostruoso,combinato con herceptin,perchè la pet aveva evidenziato una metastasi con linfonodo subclaveare!!!Finito il trattamento con il Taxotere e sospeso l’anticorpo, perchè aveva abbassato la funzione di pompa iniettiva del sangue al cuore;sono trattata con antimetastasi xeloda!!Il 26 marzo 2009 ho avuto un arresto cardiocircolatorio;da fibrillazione ventricolare!!Non so perché la morte mi ha risparmiata;forse ha avuto pena o semplicemente ho avuto culo!!!Danni neurologici poco rilevanti;ma vivo con un automedicale a casa che MONITORA costantemente il mio cuore miocardiopatico!!Bene nella visita di revisione ho avuto l?abbassamento della percentuale di invalidità dal 100% all’85%:incazzata;umiliata;infuriata ho deciso di fare ricorso civile presso il tribunale di Padova:Il 17 novembre 2011 il Giudice mi ha dato ragione!!!COSA HA FATTO L’INPS???Mi chiama in revisione il 6-6-2012!!!FACCIAMO LA RIVOLUZIONE????iO CONTINUERO’ NELLA MIA LOTTA ORAMAI SENZA CONFINE!!!lA MIA VITA NON E’ E NON SARA’ MAI PIU’ QUELLA DI PRIMA,MA I DIRITTI SONO DIRITTI E QUINDI NON BISOGNA MAI MOLLARE PER VEDERLI RISPETTATI!!GRAZIE

    • Camden ha detto:

      Cara Rossella, la tua storia ha veramente dell’incredibile (anche se ormai, ed è brutto dirlo, non mi meraviglio più di nulla). Però la situazione sta diventando ormai molto grave, perché tutto quello che ha in mente di fare l’Inps è abbassare le percentuali e togliere tutto a tutti. E non è giusto, hai ragione a dire che non bisogna mollare. Purtroppo è assurdo che chi ha già tanti problemi debba pure perdere tempo ed energie preziose, in questi ricorsi e cause lunghissime. Ormai la situazione generale è vergognosa…

      • rOSSELLA ha detto:

        Si, cara Camden, ha dell’incredibile la mia storia ed è proprio per il rispetto della storia della mia malattia,,sinchè mi lascerà la forza psicofisica per farlo,che ho lottato e lotterò per i miei diritti di malata oncologica,cardiopatica,per di più!!IL ricorso civile non è stato poi cosi’ lungo,come si dice in giro!!!Quando il 20-6-2011 ho incontrato il perito di parte(del tribunale di competenza),ho avuto la forza di piangere la mia rabbia,ma quando???Quando mi ha detto:lei Signora mi sembra molto incazzata!!!!E lo ero con i medici legali,servi dell’INPS,asserviti ai codici di valutazione e via discorrendo!!!Ho un fratello che esercita l’antica arte di Ippocrate,che mi ha un pò sostenuta per telefono(non abita dove abito io!!) ma oltre a sentirmi uno straccetto,quel giorno sono uscita dalla visita medico legale di parte come un jet privato di lusso!!!Ce l’avevo fatta ad esprimere il mio profondo malessere e le mie umiliazioni.Sei tu che conti e che lotti!!La battaglia contro la bestiaccia credo che ti insegni a non mollare!!Ti saluto caramente Camden<3

  7. mamiga72 ha detto:

    Rossella, la revisione è prevista per tutti. Anch’io ho una cardiopatia da Herceptin, ma ti avranno anche detto che è reversibile. Coraggio.

    • rOSSELLA ha detto:

      Non nel mio caso cara mamiga72,mi ero dimenticata(Sic!!!) di scrivere,tra le altre,che il 29-3-2009 ho avuto ben tre arresti cardiocircolatori,con degenza di una settimana in rianimazione e di un mese presso il Centro Gallucci di Padova(cardiologia)!!!Non so come mai sono sopravvissuta!!!Forse non era arrivata l’ora di fare l’ultimo viaggio!!!Vivo con un defibrillatore impiantato e con un automedicale per monitorare da casa il mio cuoricino!!!Ti saluto caramente

  8. valentina ha detto:

    salve a tutti voi …..ho un problema che non riesco a capire …..dal 28.09.2011 ho mandato la domanda di invalidità civile di mia madre che ha il cancro al colon e nonostante tutto anche licenziata in malatie…oggi dopo tutti sti mesi mi sono presentata nuovamente al inps e mi hanno detto che fanno un ricorso al asl e che dovrò aspettare la loro risposta???a cosa devo credere e a cosa dovrei aspettarmi???mi potete dare dei consigli su come procedere? (valentina)

    • Camden ha detto:

      Cara Valentina, vorrei poterti dare un consiglio, ma anche io sono tuttora in altomare. In genere per queste cose ci si può rivolgere ad un patronato, ma non sempre riescono ad aiutarti (vedi il mio caso).
      Una cosa è certa, l’iter per l’invalidità civile è diventato un groviglio dal quale si esce con difficoltà.
      Potresti rivolgerti anche a loro:

      http://cittadinanzattiva.it/

      In genere sanno consigliare la via migliore per uscire da questi allucinanti labirinti burocratici che vanno a discapito delle persone che hanno bisogno e sono in difficoltà.
      In bocca al lupo!

  9. caterina ha detto:

    non so come sono andate a finire tutte le vostre vicessitudini con l inps io vi posso solo dire che sono schifata solo a nominarla,in sintesi avevano tolto la pensione a mio marito perchè trascorsi i fatidici 5 anni si suppone che dal tumore si sia guariti ma come dite voi che vita si è in grado di condurre?bene dopo un ricorso con procedura di 2 anni un giudice stabilisce che ha diritto e le viene concessa nuovamente,risultato?dopo sei mesi mio marito è deceduto per la stessa malattia che oramai si era diffusa…………a tutti voi dico non demordete andate avanti nelle vostre battaglie un abbraccio

    • Camden ha detto:

      Grazie Caterina,. scusami se non ho risposto prima al tuo commento. La mia odissea è finita in maniera scandalosa: dopo quasi un anno dalla visita ho potuto avere il mio verbale con l’invalidità dimezzata, solo andando alla sede Inps di Roma dove mi hanno detto che il mio verbale con il 50% di percentuale non era stato spedito perché non riescono a spedirli tutti e privilegiano quelli con le percentuali più alte…un discorso che non sta né in cielo né in terra!!! 😦
      Mi dispiace tanto per tuo marito…

  10. quinto ha detto:

    Il 22 luglio 2012 ho presentato domanda (in via telematica )all’inps di Ascoli Piceno per l’accertamento di un mio handicap.poiche’ non avevo avuto nessuna risposta sono riucito a sapere dove stava la mia domanda..La mia domanda sta presso l’ufficio invalidi civili di s.benedetto del ttronto, ove circa un mese fa mi sono recato per chiedere notizie. mi e’ stato risposto di attendere la chiamata. Mi domando : DAL 22.7.2012 AL 22.3.2013 SONO PASSATI SETTE MESI ,quando ancora dovro’ attendere? Quintilio.

    • Camden ha detto:

      Ciao Quinto, sono situazioni veramente scandalose. Pensa che oltre all’odissea che ho avuto con il verbale di invalidità, con la legge 104 mi è andata ancora peggio…
      Domanda per il rinnovo in data 27/10/2010. Visita il 13/05/2011 il verbale con la legge 104 (a parte tutto, il comma 1 che non serve a nulla) mi è arrivato a casa il 14/01/2013!! Sono normali questi tempi? Io non credo proprio… che schifo!

      • rOSSELLA ha detto:

        18-02-2013 convocazione a visita diretta presso l’INPS di Padova,la seconda in meno di un anno!!Arriva la raccomandata targata INPS e subito mi si attiva il cardiopalmo!!!Poi inizia a grondarmi,dopo la lettura della lettera di convocazione,paranoia,odio misto ad un senso di incredulità(La mia parte sana funziona ancora!!!) La domenica successiva,per non pensare,dormo di un sonno patologico per non pensare!!!Arrivo all’INPS il lunedi con un’amica a cui chiedo di accompagnarmi.Vedo intorno a me tanta gente che aspetta come me:Gente in sedia a rotelle,ciechi accompagnati,bambini e comunque di tutto un pò del mondo degli invalidi civili.Fantasia dell’attesa organizzare una sommossa comune e fare impressionare questi gelidi medici burocrati!!Tocca alla lettera D sono io!!Striscio con la mia amica verso la porta dello studio medico,ma quest’ultimo sibila alla mia amica:la signora resta fuori!!Cazzo!!!Entro son capace di dire buongiorno!!Il medico inizia con la solita balla che da Roma gli scrivono che……….bla bla bla!!Malata oncologica pluridecorata per i vari trattamenti chemioterapici,radiotrattata,il cuore in arresto per chemio,mutilata di un suo seno!!!Ma……..inizio finalmente a piangere a dirotto,con singhiozzi pieni,parole biascicate ed insalatate!!!Il medico si scioglie,ma non perchè un essere umano è difronte a lui,ma perchè vede il mio ricorso civile vinto nel 2011!!!Nulla di umano,dunque,fuorchè il mio inconsolabile pianto!!!!

  11. Dorina ha detto:

    Anch’io come molte di voi ho dovuto subire l’umiliante iter: visita all’ Ulss, con riconoscimento del 100% di invalidità e Inps, dopo 2 mesi, con la riduzione al 70%. Ho subito mastectomia radicale alla mammella destra, ho una limitazione dell’uso della spalla e del braccio oltre al polso dolorante e faccio molta fatica ad usare il mouse. Oltretutto ho la policitemia vera ma per questa, dato che non ho fatto salassi da un anno non mi è stato riconosciuto alcun punteggio anche se sono in terapia citoriduttiva e bevo anche cardioaspirin (a pag. 132 delle linee guida dell’INPS c’è indicato un punteggio che va dai 21 ai 30 punti!). Non ho sussidi economici perché attualmente sono occupata (lo studio chiuderà a fine anno!). Ora sto facendo la ricostruzione e ho appena avuto la sostituzione dell’espansore con la protesi. Mi si è otturato subito il drenaggio (anche in conseguenza della mia malattia) e con 39 di febbre, ho dovuto rientrare in ospedale per levare il coagulo. Lì scopro che una sig.ra nella mia stessa situazione (che di lavoro fa l’ insegnante), la commissione medica le ha concesso l’esonero dai controlli INPS! Ma come, ci sono 2 pesi e 2 misure per lo stesso problema? Io devo recarmi per la medicazione 3 volte la settimana in ospedale e subire lo stress dei possibili controlli, stando attenta a non dimenticarmi di farmi rilasciare la documentazione che sono stata lì e, il sabato e la domenica, starmene rinchiusa in casa nelle ore canoniche per evitare i controlli. Dimenticavo ho anche un po’ di depressione…a 60 anni, con tutti i miei problemi starei volentieri a casa in pensione..ma ci ha pensato la Fornero a cancellare ogni possibilità e, non ultimo, se mi davano l’80% di invalidità potevo chiedere il prepensionamento…questo si che è rigore…Sono avvilita e ho la nausea al pensiero di presentarmi tra un anno alla commissione INPS. E’ certo che mi daranno un punteggio ancora inferiore (è già successo alla mia amica) e diranno che ora il seno c’è. Qualcuna sa dirmi se c’è qualche domanda da presentare per ottenere, anche per chi ha un impiego nel settore privato, la possibilità di non essere rinchiusa in casa, durante il periodo di malattia? Grazie e scusate lo sfogo. Dori

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...