acqua – ancora

Da quando ho avuto il cancro non ho più paura dell’acqua alta, non ho più paura di tuffarmi e non ho più paura di bere mentre nuoto. Ho imparato che per stare a galla non occorre affannarsi ma basta muoversi lentamente e lasciarsi trasportare perché tanto galleggio. Sono sempre stata bene in acqua, ma era come se la volessi controllare senza che lei controllasse me: non mi spingevo troppo a largo, nessun tuffo dagli scogli, nessuna nuotata a testa bassa senza guardare avanti, in piscina sempre le vasche accanto al bordo per avere la sicurezza di poter posare una mano all’occorrenza. E se ci penso bene quella non era acqua, era il mio modo di avvicinarmi all’acqua. E tutto questo ‘mio’ mi ha stufato. Nuoto e galleggio e assaporo insieme al sale la gioia e la pienezza della decentrazione da me e dal groviglio di pensieri che solo nell’acqua mi lascia in pace. 

il post originale lo trovate qui: 

http://meandmrsk.wordpress.com/

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...