… il vento tra i capelli ….

è una bella sensazione

sentire di nuovo il vento tra i capelli

Oddio,

i miei nuovi capelli dopo la chemio

non è che svolazzino tanto,

sono tutti riccissimi

scapigliati

e corti

ma li adoro….

ne ho già scritto qui 

Ricordo  la prima visita dall’oncologo

quando il dott. R mi disse che per la chemioterapia

mi sarebbero caduti i capelli e che mi consigliava

di tagliarli prima che iniziassero cadere magari anche a  ciocche.

Credo di avergli chiesto tipo 4 o 5 volte

“Ma è proprio sicuro dottore che cadranno?”

e alla   risposta affermativa che leggevo anche nei suoi occhi

partiva l’altra domanda di rito

“ma è sicuro che poi ricresceranno?”

Ad ogni visita era la domanda che non dimenticavo mai di fare

E

Caspita! cresciuti, son cresciuti , più folti di prima

ma  anche più morbidi:

sono i miei  “capelli neonati”

fanno tenerezza

e a me ne fanno tanta di tenerezza….

E non sopportavo chi , in buona fede sicuramente,

mi diceva

“ma dai che poi ricrescono “

oppure

“questo è il male minore”

BALLE

Lo so bene che quando hai un cancro

non è che ti devi preoccupare

principalmente dei capelli,

ma

vedersi e sapersi senza capelli ti fa sentire “diversa”

è come se il cancro ti togliesse la dignità di persona

lasciandoti senza capelli.

Contro la previsione dell’oncologo i miei capelli non volevano cadere.

Erano morti, non crescevano più,  ma

rimanevano saldamente attaccati : tutti al loro posto !

Ho dovuto prendere la decisione di raderli

perchè erano attaccati, ma mi faceva un male

pazzesco il cuoio capelluto,

male da non riuscire a dormire la notte.

Così una sera di fine ottobre 2013

mio marito ha passato la macchinetta

lasciandomi i capelli alla lunghezza minima …  qualche millimetro.

Ma neppure così se ne andavano, sempre attaccati saldamente.

Ci sono volute 4 chemio , la Fec rossa per farli cadere definitivamente.

Ho scelto di non usare la parrucca,

anche perchè non avevo nessuna voglia di prendermene cura  …

all’irst ne ho viste di belle, se curate

ma ne ho viste anche tante veramente trascurate

comunque

ognuno fa la scelta che più fa sentire a proprio agio

E io mi sentivo bene con le mie bandane,

anche se ad una in particolare mi sono affezionata

ma talmente tanto che anche ora la tengo con me  nella borsa

  lavata  ripiegata e chiusa in un sacchettino…

Rappresenta una parte di vita, della mia vita, per la precisione 10 mesi

in cui era palese che fossi ammalata di cancro

ma in fondo non me n’è mai importato molto

di quello che pensavano gli altri.

Avevo il cancro ed ero impegnata a curarmi…

il post originale qui

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Capelli, Chemioterapia, Paure, Tra medico e paziente e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a … il vento tra i capelli ….

  1. frafre ha detto:

    capisco la sensazione (brutta della caduta e del periodo di calvizie forzata coperta da fazzoletti e bandane, e bella del ritorno, e delle sensazioni perdute e riacquistate, e della morbidezza della nuova crescita) poiché anche io l’ho provata sulla mia pelle. Non è particolarmente facile, ma quando le cose vanno bene, e con il tempo si può raccontare la storia, il peso diminuisce, e la gioia aumenta. 🙂
    Buon tutto!

  2. tuttotace ha detto:

    Sto vivendo, un po’ in disparte, la leucemia della migliore amica di mia figlia, parliamo di una bimba di 8 anni. Per i bimbi, quelli malati e gli amichetti, la questione capelli non è davvero “il male minore”. E’ sempre bello leggerti. Una carezza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...